Calciomercato LIVE

F. Andria: botta e risposta tra Lotito e Montemurro

Fidelis Andria
Fidelis Andria

Nella giornata di ieri il socio di minoranza della Fidelis Andria, Francesco Lotito, aveva diffuso una nota nella quale sollevava perplessità circa il futuro del sodalizio federiciano. "Ad oggi 08/06/2018 nessun versamento risulta effettuato nelle casse della Fidelis - dichiarava Lotito -  nonostante siano decorsi più di 20 giorni dall’assemblea e ne manchino meno di 20 alla formalizzazione dell’iscrizione della Fidelis al prossimo campionato (prima ancora della data limite rappresentata dal 6 luglio, infatti, sono previsti numerosi e complessi adempimenti da porre in essere tra il 12 ed il 26 giugno 2018). Poiché la Fidelis Andria è patrimonio di tutta la città, reputo in questo momento urgente che sia consentito di farsi avanti senza remore e/o condizionamenti di sorta a chi è in grado di dare concretamente una mano alla società: se il socio di maggioranza ha intenzione di mantenere l’impegno assunto nell’assemblea del 18 maggio lo faccia senza ritardo per permettere agli altri di fare altrettanto; se ha intenzione di mantenere tale impegno solo parzialmente o, peggio, di non mantenerlo affatto, lo dica chiaramente affinché si possano trovare per tempo soluzioni alternative!".

Non è tardata ad arrivare la risposta del presidente della Fidelis Paolo Montemurro, che attraverso la sua pagina Facebook ha esposto la sua versione dei fatti: "Caro Socio, caro Francesco, apprezzo la solerzia con la quale hai richiamato gli impegni da me assunti nelle recente assemblea societaria, sebbene, ancor prima della stessa, pubblicamente, in due distinte interviste, avevo espresso la chiara volontà di prosecuzione nel progetto Fidelis. Comprendo che la stagione sportiva da poco conclusasi, è stata particolarmente travagliata per tutti noi, e che le divergenze gestionali sorte tra te e me, hanno scaturito sistematiche frizioni personali che, credimi, non hanno mai minato la stima e la considerazione che nutro nei tuoi confronti. Oggi, però, resto stupito dalle modalità pubblicistiche con le quali hai inteso comunicarmi le tue perplessità, ritenendo fosse sufficiente una telefonata o un meno impegnativo sms. Ebbene, Caro Francesco, forse, ma sono certo che così non è, non ti sei reso conto che anche le due precedenti stagioni sportive si sono concluse con perdite d'esercizio, puntualmente, e con non poco sacrificio personale, ripianate dal sottoscritto, non al 90% (per quota di partecipazione) ma al 100%, sollevando dai rispettivi obblighi i soci di minoranza, per usare una tua definizione, anche se per me un socio è un socio , a dispetto delle quote di partecipazione possedute. Non mi aspetto gratitudine, ne plausi o ringraziamenti ma, considerazione e rispetto SI. Anche quest'anno, come nei precedenti due, mi sto adoperando per garantire stabilità e serenità alla Nostra Fidelis. Chi vorrà dare una mano (professionale o finanziaria) sa che la mia porta è sempre aperta, così come aperto sono ad ogni soluzione che possa garantire maggiore solidità e serenità progettuale. Buon week end!!!!!!!".

La Redazione