Canosa, Basile: "Con l'Ascoli Satriano è più di una finale"

Il presidente Basile
Il presidente Basile
- 16295 letture

Domenica prossima il Canosa si gioca in 90 minuti l'intera stagione: ad Ascoli Satriano i rossoblu dovranno necessariamente vincere la sfida playout per evitare la retrocessione in Prima Categoria. Curiosamente il Canosa si gioca la permanenza proprio nello stadio che, nella passata stagione, vide la grande vittoria rossoblu nella finale playoff contro lo Sporting Ordona: un'impresa poi vanificata dal mancato ripescaggio in Eccellenza.

Il presidente Basile, contattato dalla nostra redazione, non usa giri di parole per sottolineare l'importanza di questo match: "Noi ci giochiamo l'intero campionato, per noi questa partita vale più di una finale. I ragazzi lo sanno, sono consapevoli, li vedo determintati e in crescita a livello di affiatamento. Quest'anno abbiamo cambiato, durante il campionato, una grossa fetta di giocatori ed era quindi difficile amalgamarsi in poco tempo. La squadra è concentrata, i ragazzi sanno che dal risultato di domenica dipende il loro futuro, siamo convinti che ci sarà grossa affluenza di pubblico. L'anno scorso questa partita era una partita di playoff, ora ci giochiamo la permanenza in Promozione".

Arrivare a giocarsi la salvezza ai playout non era nemmeno lontanamente nelle previsioni di inizio stagione: "Forse l'errore l'abbiamo commesso in fase di mercato: abbiamo pensato di dover allestire una squadra attrezzata per disputare un campionato tranquillo di Eccellenza. Probabilmente non è la stessa cosa affrontare un campionato di Promozione cercando di puntare al vertice. Questo potrebbe essere stata una delle motivazioni. Strada facendo molti sono andati via molto probabilmente per la nostra situazione di classifica non ottimale. Adesso dobbiamo solo pensare alla partita di domenica, daremo tutto per raggiungere l'obiettivo. Voglio ringraziare pubblicamente la città di Canosa e i suoi splendidi tifosi, che ci sono sempre stati vicini nonostante una stagione che ha riservato loro poche soddisfazioni. Spero che anche domenica ci sostengano in massa perchè abbiamo bisogno del loro supporto".

Sabino Aduasio