Don Uva: pirotecnico pareggio 3-3 contro il Norba Conversano

Don Uva-Conversano 3-3
Don Uva-Conversano 3-3

Finisce con un pirotecnico 3-3 il match al “Di Liddo” tra Don Uva Calcio e Norba Conversano.

Quarto risultato utile consecutivo per la squadra di Carlucci (due vittorie, due pareggi). I padroni di casa inizialmente sembrano avere in mano le redini del gioco, ma invece sono gli avversari a sbloccare il punteggio con Fraschini, lesto a deviare in rete un cross dalla sinistra (19’). Sulle ali dell’entusiasmo gli ospiti raddoppiano grazie a Cassano che al 26’ infila per la seconda volta Roberto Troilo con un bel diagonale.

I bianco-gialli non demordono: al 34’ è il tiro dalla distanza di Marco Sallustio ad accorciare le distanze. La speranza di ribaltare completamente le sorti della partita si fa sempre più concreta nella seconda frazione di gioco. Carichi di entusiasmo, i ragazzi di Carlucci trovano il pari al 4’ con Trawaly, che punisce D’Angelo sfruttando una fortuita giocata di Amoroso. L’inerzia della gara si sposta totalmente a favore dei biscegliesi: da qui in poi è assedio. Prima Amoroso fallisce una ghiotta occasione mandando la palla di poco fuori, subito dopo è il gambiano a sfiorare il 3-2 in mischia. Al 15’ girandola di traverse per lo sfortunatissimo Preziosa che in una manciata di minuti becca ben 3 legni. Ancora, Grosso riesce a impensierire l’estremo difensore barese su calcio di punizione da destra. È proprio nel momento migliore del Don Uva che arriva la beffa: al 34’ il Norba torna ad affacciarsi nella metà campo avversaria. Cross dalla sinistra di Genchi e colpo di testa di Daddato: 2-3.

Ma i padroni di casa non ci stanno e continuano a costruire giocate creando ottime occasioni. Una su tutte è la rovesciata del neo-entrato Bruno Sallustio, respinta diligentemente da D’Angelo. Gli sforzi e la motivazione vengono premiati al 49’ st, quando lo stesso Sallustio riesce a liberarsi di due difensori giallo-verdi e a fare secco l’incolpevole portiere con un esterno velenoso. Nell’occasione Marco Sallustio viene espulso per un’esultanza ritenuta eccessiva dell’arbitro che poco dopo decreta la fine del match. «Meglio feriti che morti – ha commentato il ds Lorenzo De Gennaro –. Resta l’amara consapevolezza che avevamo tutte le carte in regola per vincere, anche ampiamente. Chi conosce bene il calcio, però, sa che queste partite al 90% le perdi. Quindi facciamo tesoro di questo punto importante in chiave-salvezza».

Domenica trasferta delicata contro il Bitetto, squadra che lotta per lo stesso obiettivo.

Carolina Di Bitetto 

Addetto stampa ASD DON UVA CALCIO 1971

La Redazione

Leggi altre notizie:DON UVA CALCIO 1971