Canosa: contro il Real Sannicandro l'obiettivo è continuare a stupire

Canosa Calcio (Ph. Sergio Porcelli)
Canosa Calcio (Ph. Sergio Porcelli)

Dopo aver archiviato la vittoria di Foggia arrivata al termine di novanta minuti sofferti per via delle tante occasioni non finalizzate, ora per il Canosa Calcio di mister Gianluigi Trallo è tempo di confermarsi, allo scopo di dare continuità a questa striscia di sei risultati utili consecutivi.

I tifosi sono molto entusiasti e al contempo fidenti che questa squadra possa regalare a tutto l’ambiente canosino grosse soddisfazioni. Una striscia così importante di risultati non si vedevano in una piazza come Canosa da parecchio tempo e se risulta vero il fatto che sia giusto esaltare i rossoblù, è anche vero che è fondamentale cercare di migliorare tutti gli aspetti che non sempre trovano ottime risposte. Per quanto ci possano essere tanti lati positivi, è giusto anche trovare lati negativi e a detta del proprio mister, il difetto di questa squadra è la bonomia. Sì, proprio lei perché non chiudere le partite in maniera adeguata, può comportare il rischio di perdere partite e punti preziosi che ora non ci si può permettere di lasciare per strada.

Bisogna cavalcare l’onda dell’entusiasmo in maniera tale da deprecare e quindi scongiurare ogni possibile pericolo che in fin dei conti, sono sempre lì dietro l’angolo. Se ci si accontenta, si rischia di incappare in trappole che a lungo andare possono costare caro e al contempo basta voltarsi e riflettere sul brutto periodo passato dai nostri beniamini quando, dopo un ciclo di cinque vittorie, si trovarono a dover fare i conti con pareggi non esaltanti e sconfitte.

Ad oggi, quei punti persi al cospetto di squadre inferiori dal punto di vista tecnico-tattico ai canosini, pesano molto e chissà dove si sarebbe potuto proiettare il Canosa Calcio con quel bel gruzzoletto di punti. Al di là di questi aspetti però, i rossoblù fanno del gruppo la loro vera forza e i nuovi arrivati oltre ad innalzare l’estro della squadra, si sono inseriti benissimo. Basti pensare a Lasalandra, Ardito o allo stesso Cardinale che sulla fascia sinistra sta dando continuità alle sue prestazioni.

Il match di domenica, in programma alle ore 15.00 e che si disputerà in campo neutro e a porte chiuse allo stadio Sant’Angelo dei Ricchi di Andria, sarà sicuramente da non sottovalutare al cospetto di un Real Sannicandro abbastanza agguerrito e rigenerato. Infatti, la squadra barese, per quanto sia reduce da due sconfitte contro le prime due della classe, prima di queste ultime due partite, incanalò sette risultati utili consecutivi (sei vittorie ed un pareggio) risalendo al contempo la classifica fino al sesto posto.

Il campionato è ancora lungo e pensare di avere facilmente la meglio di una squadra che ha sconfitto il Borgorosso Molfetta e che ha pareggiato con lo Stornarella, sarebbe un grosso errore. Ecco perché questo rappresenta per i ragazzi del sodalizio del presidente Tedeschi, un altro esame che in caso di idoneità, servirà per prepararsi al meglio a un ciclo di partite terribili. Il Real Sannicandro è attualmente sesto in classifica con 28 punti all’attivo frutto di nove vittorie, un pareggio e otto sconfitte. Il suo rendimento esterno è il quinto migliore dell’intero raggruppamento con cinque vittorie, un pareggio e tre sconfitte e per gli amanti delle statistiche ha realizzato 27 reti, subendone al contempo 47 (seconda peggiore difesa del campionato). Da tenere d’occhio fra gli altri, nelle file ospiti Emanuele Rizzi e Cascione con cinque reti realizzate.

Sabino Del Latte

La Redazione

Leggi altre notizie:CANOSA