Il Canosa è un rullo compressore: Real Sannicandro sconfitto 3-0

Real Sannicandro-Canosa 0-3
Real Sannicandro-Canosa 0-3

Il Canosa Calcio è diventato un vero e proprio rullo compressore e oggi ne ha data piena dimostrazione, battendo in una partita non facile il Real Sannicandro per 3-0.

I rossoblù hanno fatto loro l’intera posta in palio grazie ad un’ottima prestazione che è stata impreziosita dallo sviluppo di ottime trame di gioco, accompagnate da tanta grinta ed agonismo. Il risultato premia la compagine che meglio si è espressa durante l’arco dei novanta minuti, attraverso un buon primo tempo ed una ripresa che a parte qualche rischio, ha visto dominare i canosini in lungo e in largo. Dopo la partita disputata in casa della Foggia Incedit e che ha visto i nostri beniamini autori di una prestazione non del tutto esaltante, quest’oggi hanno dato manifesto della piena quadratura dell’impianto di gioco di mister Trallo che dopo il settimo risultato utile consecutivo può ritenersi più che soddisfatto. La prova dell’intera squadra è stata più che positiva a parte qualche piccola sbavatura e qualche piccolo errore che soprattutto quando il risultato è al sicuro, viene commesso spesso e volentieri. Il match andato in scena in campo neutro allo stadio Sant’Angelo dei Ricchi di Andria, ha visto tante risposte positive provenienti dai singoli. Il reparto difensivo continua ad essere l’arma in più di questa squadra e soprattutto quest’oggi, l’estremo difensore rossoblù Crisantemo ha dimostrato tutte le sue potenzialità, parando un rigore in un momento delicato del match. Note positive arrivano anche dall’attacco dove continuano ad arrivare, con una certa continuità, realizzazioni a non finire. Vedi ad esempio Caputo, mai stato così prolifico sotto porta e che partita dopo partita, continua a dimostrare l’ottimo feeling sia con Ardito e sia con Lasalandra che con la sua esperienza e il suo estro ha servito un ottimo assist per la sua rete. Insomma, è un momento di grazia per il Canosa Calcio, che si spera continui nelle prossime partite a partire dal prossimo impegno che vedrà i rossoblù di scena in trasferta sul campo del Borgorosso Molfetta.

Mister Gianluigi Trallo schiera i suoi con un collaudato 4-4-2 con Crisantemo in porta, linea difensiva a quattro composta da Dattoli, Abruzzese, Mansterliu e Cardinale, centrocampo con Landolfi e Lops in cabina di regia e con ai propri lati Loconte e D’Ambrosio. Tandem d’attacco composto dai soliti Ardito e Caputo. Alla vigilia tutti erano consapevoli della voglia di rivalsa del Real Sannicandro di mister Birardi ed infatti i baresi hanno dato filo da torcere a Landolfi & C soprattutto in apertura di ripresa, quando sono riusciti a mettere in difficoltà i nostri portacolori.

PRIMO TEMPO: L’avvio di partita fa subito capire la vivacità del match al quale si assisterà, con il Canosa che già al 2’ si renderà pericolosa con Caputo che su cross di D’Ambrosio, non riuscirà ad indirizzare bene di testa il pallone. I rossoblù manovrano ma i baresi non ci stanno e al 5’ Paparella scalda le mani a Crisantemo, lesto nel sventare il pericolo. Al 16’ ancora Crisantemo si rende protagonista di un’altra grande parata su Rizzi, sventando un tiro insidioso mentre al 23’ Dattoli imbeccato da Ardito spara alto. I successivi dieci minuti di gioco vedono regnare soprattutto il possesso palla fino a quando non arrivi la svolta della partita: al 33’ Loconte su punizione crossa in area e capitan Landolfi di testa tocca quanto basta per insaccare in rete la palla dell’1-0. I canosini amministrano il vantaggio e in conclusione di prima frazione, non resta che segnalare solo la rovesciata di Paparella che termina alto sulla traversa.

SECONDO TEMPO: La ripresa si apre con tutt’altre intenzioni da parte del Sannicandro e al 50’ mister Birardi sostituisce Patruno con Cascione, aumentando la qualità offensiva dell’undici in campo. Anche mister Trallo, alla ricerca di quel quid in più in mezzo al campo, sostituisce Dattoli con Valentino ma al 57’ Abruzzese in scivolata stende in area di rigore Paparella, causando il conseguente calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Rizzi che però si fa ipnotizzare da Crisantemo, che si distende alla propria sinistra e neutralizza il tiro del giocatore barese. Mister Trallo inserisce anche Lasalandra al posto di Loconte e pochi minuti dopo, al 59’, il Sannicandro resta in dieci per l’espulsione di Rizzi. Il match si mette in salita per i baresi e così al 63’, il neo-entrato Lasalandra, dopo una serie di numeri personali, mette in mezzo una palla che trova appostato sul secondo palo Caputo che non può far altro che spingere la palla in rete per il 2-0. Al 69’ esce anche Ardito per far spazio a Babucar mentre al 77’ è Civita a prendere il posto di Lops. Il Canosa domina in lungo e in largo e dopo il tentativo respinto dal portiere Carulli su tiro di D’Ambrosio, è Babucar all’82’ dopo aver ricevuto palla da Caputo, a realizzare la rete del 3-0. Nel finale di gara, c’è tempo anche per una rete annullata sempre a Babucar e per una traversa di Abruzzese allo scadere.

Termina quindi nel migliore dei modi una partita che doveva dare e che ha dato a mister Trallo le risposte che desiderava sia dal collettivo che dai singoli. Salgono quindi a sette le vittorie consecutive del Canosa Calcio, che continua sia a stupire tutti gli addetti ai lavori  e sia a dare seguito alle proprie prestazioni. I risultati della 19a giornata vedono fra gli altri, il Borgorosso Molfetta cadere ancora una volta in trasferta in casa della Nuova Daunia per 2-1, allontanandosi così ulteriormente dai nostri beniamini a dieci punti di distanza. Cade anche lo Stornarella in casa della capolista Sly United mentre arrivano vittorie interne per il Lucera (2-0 contro il Manfredonia Football Club), per la Gioventù Calcio Cerignola ( 2-1 contro l’Andria)  e per il Modugno 3-0 a tavolino. Sconfitte interna invece per il Molfetta contro l’Ideale Bari per 0-2. Aspettando il posticipo Manfredonia-Foggia Incedit, la classifica attuale vede la Sly United capolista incontrastata a quota 55 punti, seguita dal Manfredonia a 49 punti e dal Canosa a 44 punti che si conferma terza forza del campionato. Si staccano lo Stornarella che resta a 35 punti e il Borgorosso, quinto a 34 punti. Domenica prossima i canosini saranno invece impegnati come detto precedentemente proprio contro il Borgorosso, in una partita che si preannuncia infuocata, tesa e ricco di colpi di scena. Non sarà facile in quel di Molfetta per i ragazzi di mister Trallo che saranno chiamati ad espugnare un campo dal quale nessuno fino ad ora è riuscito a portare via punti. Un vero e proprio esame di maturità che sarà caratterizzato da tante incognite. Ai posteri l’ardua sentenza…

Sabino Del Latte

La Redazione

Leggi altre notizie:CANOSA