Il Canosa ritrova la via del successo: 3-1 contro la Virtus Molfetta - I AM CALCIO BAT

Il Canosa ritrova la via del successo: 3-1 contro la Virtus Molfetta

Canosa Calcio (Ph. Sergio Porcelli)
Canosa Calcio (Ph. Sergio Porcelli)
BatEccellenza

Il Canosa Calcio ritrova la “retta via smarrita”. Si potrebbe riassumere con questa celebre frase dell’illustre Dante Alighieri nel Canto I dell’Inferno della Divina Commedia, l’odierna gara disputata dai rossoblù.

Infatti, nella 25a giornata del campionato di Prima Categoria girone A, i ragazzi di mister Gianluigi Trallo tornano a vincere fra le mura amiche, battendo la Virtus Molfetta per 3 a 1. Dopo la sconfitta maturata in terra barese al cospetto della capolista Sly United, tornare a conquistare i tre punti era di assoluta importanza. Ciò è stato fondamentale anche per dimostrare per l’ennesima volta che il Canosa c’è e che da qui a fine stagione, farà di tutto per non lasciare strada facendo ulteriori punti. Il sodalizio del presidente Tedeschi a inizio stagione si è prefissato un unico obiettivo e cioè quello di raggiungere i play off che a sei giornate dal termine della regular season, sono più che raggiungibili. Il tutto però dovrà essere accompagnato dalla convinzione, dalla voglia e dalla grinta, gli ingredienti principali di qualsiasi meta si voglia raggiungere sia a breve che a lungo termine. Ogni piccolo errore potrà essere pagato a caro prezzo e con uno Stornarella a meno uno dalla terza posizione occupata dai nostri beniamini, il rischio è ancora più alto. Quest’oggi, allo stadio “San Sabino” dopo un approccio al match non dei migliori da parte dei canosini, alla lunga è venuta fuori la maggior qualità tecnico-tattica dei padroni di casa, bravi nel ribaltare la contesa. Il compito di certo non è stato dei più facili ma il merito dei ragazzi di mister Trallo è stato quello di crederci fin dall’inizio, nonostante lo svantaggio iniziale che avrebbe potuto compromettere il tutto. Sugli scudi quest’oggi il portiere Di Martino, protagonista in positivo di numerosi interventi salva- risultato. Insieme a lui il solito Loconte, andato in rete anche quest’oggi e il ritrovato Ardito, che dopo un periodo di appannamento, sembra sia ritornato in forma. Merita citazione anche Davide Di Molfetta, subentrato a gara in corso e autore di una buona prestazione, coronata al contempo dall’assist per la terza rete canosina. Mister Trallo deve fare a meno dello squalificato Crisantemo e schiera i suoi con un 4-4-2 con Di Martino in porta, linea difensiva a quattro composta da Dattoli, Abruzzese, Di Gennaro e Cardinale, centrocampo con Valentino, Landolfi, Loconte e D’Ambrosio e con il tandem d’attacco formato da Ardito e da Caputo. La Virtus Molfetta invece schiera i suoi con un 4-3-3 con Xhafay fra i pali, difesa composta da Germinario, Spagnoletta, De Candia e Porcelli, centrocampo con De Gennaro, Sawadogo e Palermo e attacco composto da De Cesare, Murolo e Grieco.

L’inizio di partita è shock per i rossoblù che dopo appena cinque minuti si ritrovano sotto nel risultato a causa della punizione messa a segno da Palermo che porta i suoi sullo 0-1. La reazione dei padroni di casa però è veemente ed infatti al 9’ arriva il pareggio che porta la firma di Roberto D’Ambrosio che su lancio di Cardinale, è abile nel far rimbalzare la palla e nel calciarla al volo  per la rete dell’1-1.  Il pareggio vivacizza ancora di più il Canosa Calcio che minuto dopo minuto alza il proprio baricentro alla ricerca  del vantaggio che puntualmente arriva. Infatti al 22’ in contropiede capitan Landolfi serve in profondità Ardito che dopo un contrasto con il portiere ospite, insacca in rete per il 2-1. La ripresa si apre con un doppio cambio operato da mister Trallo che sostituisce Caputo e Cardinale con Babucar e Civita. Per Caputo un brutto infortunio alla caviglia, lo costringerà a star fuori per qualche settimana, con l’augurio che possa tornare il prima possibile a difendere i colori rossoblù.

La seconda frazione di gioco vede un Molfetta bello pimpante che proverà in più occasioni a rendersi pericoloso ma che troverà sulla propria strada un ottimo Di Martino che alla prima da titolare, impedirà in più di una circostanza la rete del pareggio degli ospiti. Al 61’ Lops andrà a sostituire Landolfi mentre al 73’ sarà il turno di Di Molfetta al posto di Ardito. Sarà proprio da una parata di Di Martino a tu per tu con un attaccante ospite che nascerà la rete del 3-1 . Infatti, dopo un autentico intervento prodigioso del portiere di casa, Di Molfetta andrà in contropiede e sarà decisivo nel fornire a Loconte l’assist per la terza rete dei padroni di casa che avvierà così il match verso i titoli di coda. Il Canosa Calcio torna così alla vittoria e lo fa nel migliore dei modi, reagendo all’iniziale svantaggioda grande squadra. Del resto, con uno Stornarella a meno uno dai rossoblù, sbagliare è più che vietato.

Da qui a fine stagione, i canosini dovranno sbagliare il meno possibile e le rimanenti sei partite dovranno essere viste come sei finali da portare a casa per centrare l’obiettivo prefissato a inizio stagione. Ciò sarà ancora più possibile con il recupero di Lasalandra, che sta bruciando le tappe e che potrebbe tornare ben presto utile alla causa. I risultati della 24a giornata di Prima Categoria hanno visto il Borgorosso Molfetta vincere 3-0, la Nuova Daunia espugnare il campo della Foggia Incedit per 0-1, il Sannicandro essere sconfitto fra le mura amiche per 1-3 dal Manfredonia Football Club e lo Stornarella prevalere sull’Ideale Bari per 5-2. Chiudono il quadro della giornata la netta vittoria della Sly United per 10-0 sulla Gioventù Calcio Cerignola e quella del Manfredonia sul Lucera per 3-0. La classifica attuale vede così la Sly capolista incontrastata a 66 punti, il Manfredonia secondo a quota 63 punti e poi più staccate il Canosa Calcio a 51 punti e lo Stornarella a 50. Domenica prossima invece, i rossoblù saranno attesi in quel di Cerignola dalla Gioventù Calcio per dare seguito alla vittoria odierna. Siamo nelle fasi cruciali di questa regular season, nei mesi di marzo ed aprile che spesso e volentieri decidono i campionati . Sarà necessario curare ogni particolare perché in fondo, sono quest’ultimi a fare la differenza….

Sabino Del Latte

 

La Redazione

Leggi altre notizie:CANOSA Eccellenza