Canosa: rossoblu di scena ad Andria per ipotecare i playoff

Canosa alcio (ph. Chiara Battista)
Canosa alcio (ph. Chiara Battista)

A due giornate dal termine della regular season, il futuro prossimo in casa del Canosa Calcio è più che roseo. Infatti, per quanto gli ultimi impegni abbiano visto alcuni risultati altalenanti, i rossoblù sono riusciti quasi a mettere in cassaforte i play-off di categoria che rappresentano quindi il raggiungimento dell’obiettivo prefissato a inizio stagione.

Senza considerare le due corazzate Sly United e Manfredonia ormai andate, il Canosa Calcio si ritrova terzo in classifica con 58 punti, a più cinque sullo Stornarella quarto a quota 53 punti e soprattutto a due giornate dal termine della regular season. Detto ciò, è necessario andare ad analizzare il regolamento dei play-off che a questo punto, diventa di fondamentale importanza. Infatti, secondo quanto riportato dalla Lega Nazionale Dilettanti, la seconda in classifica è qualificata già per la finale mentre la terza e la quarta giocheranno la semifinale solo se il distacco fra loro sarà di massimo sei punti. Se a fine campionato i punti dovessero essere più di sei, la quarta e quindi lo Stornarella non avrebbe accesso alla semifinale e si giocherebbe quindi direttamente la finale fra la seconda e la terza in casa della compagine che risulta meglio piazzata in graduatoria.

Quindi, in conclusione, attualmente il Canosa giocherebbe la semifinale play-off in casa contro lo Stornarella ( poiché il loro distacco è di 5 punti) ma se il distacco in queste due giornate rimanenti dovesse aumentare, allora i canosini andrebbero a giocarsi direttamente la finale in casa del Manfredonia, attualmente seconda in classifica. Archiviato questo discorso, i nostri beniamini domenica saranno di scena in trasferta in quel di Andria per mettere innanzitutto al sicuro la propria posizione.

Nonostante le ultime sbandate, il sodalizio del presidente Giuseppe Tedeschi è riuscito a conservare il terzo posto, grazie anche ai passi falsi dello Stornarella che non è riuscito ad approfittare degli errori di percorso della squadra di mister Gigi Trallo. Se dovessimo scegliere un momento che ha maggiormente deciso la griglia play-off, uno di questi è stato sicuramente il match del San Sabino di domenica scorsa dove i rossoblù sono riusciti a spuntarla in Zona Cesarini per 3-2 grazie alla rete di Babucar. Una vittoria al cardiopalma che ha regalato grosse emozioni al pubblico di casa, consapevole che per quanto ci siano state alcune disattenzioni, la squadra è viva, ha un cuore, è un vero e proprio gruppo e lotta dal primo all’ultimo minuto. Le note positive della penultima gara casalinga sono sicuramente quelle di Ardito che ha ripreso a segnare con una certa continuità e quella di Manasterliu che ha messo a segno la prima marcatura stagionale. Ha lasciato invece a desiderare, ed è un caso eccezionale, la difesa che si è ritrovata leggermente in difficoltà dopo un campionato disputato ottimamente. Del resto, un errore di percorso si può ampiamente concedere alla retroguardia canosina che ha rappresentato per tutta la stagione il vero punto di forza della società rossoblù.

Mister Trallo si augura che tutto ciò possa ancora continuare a partire dalla trasferta in casa della Virtus Andria che, qualche giornata fa, è riuscita a sconfiggere lo Stornarella. Gli andriesi sono attualmente noni in classifica con 36 punti e non hanno più nulla da chiedere a questa stagione. Il loro ruolino di marcia è caratterizzato da 10 vittorie, 6 pareggi e 12 sconfitte mentre fra le mura amiche hanno all’attivo 8 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. In termini statistici hanno messo a segno 41 reti , subendone 50 mentre all’andata al San Sabino, l’incontro terminò con un secco 4-1 in favore dei nostri beniamini. Domenica più che importante sarà non sottovalutare l’avversario poiché proprio in virtù del fatto che gli andriesi non abbiano più nulla da chiedere al campionato, giocheranno sicuramente più spensierati e senza l’ansia del risultato. Basti pensare allo 0-0 del Canosa contro la Nuova Daunia che per quanto ampiamente salva, disputò una partita molto maschia senza lasciare nulla al caso.

Insomma, sono gli ultimi ostacoli prima di un finale di stagione che vedrà i rossoblù disputare i play-off per il salto di categoria, anche se come detto prima, restano da comprendere le modalità. Ad Andria tutti si aspettano un buon risultato in un incontro valevole per la 29esima e penultima giornata di campionato che vedrà al contempo lo Stornarella ricevere il Foggia Incedit. Del resto, anche gli stornarellesi sono obbligati a vincere poiché tallonati dal Borgorosso Molfetta a meno un punto. Tutto dipende dal Canosa Calcio poiché in base al suo risultato, sarà possibile apprendere le modalità di svolgimento degli spareggi promozione, sperando che il 2019 possa rappresentare l’anno della rinascita di questa gloriosa società.

Sabino Del Latte

La Redazione

Leggi altre notizie:CANOSA