Dizionario calcistico. Francesco Russo analizza il centrocampista - I AM CALCIO BAT

Dizionario calcistico. Francesco Russo analizza il centrocampista

Francesco Russo parla del centrocampista
Francesco Russo parla del centrocampista
TarantoRubriche

Francesco Russo, ex tecnico del Ginosa, intervistato da IamCalcio Taranto, analizza - nel secondo appuntamento della rubrica di approfondimento calcistico - il centrocampista moderno. Innanzitutto, è opportuno partire dalla definizione basilare. Mister Russo cita il maestro di giornalismo Gianni Brera che identificava il centrocampista come calciatore schierato al centro del campo che agisce da filtro tra i vari reparti.

Nel corso dell'analisi, l'ex tecnico del Ginosa sottolinea le caratteristiche di un calciatore imprescindibile per il gioco di una squadra. "Le skills di un centrocampista sono tante. Come primo assunto bisogna presupporre che abbia capacità fisiche, tecnica, resistenza e buona visione di gioco". L'ultima caratteristica è fondamentale poichè essendo un filtro tra il pacchetto difensivo e offensivo, le geometrie e la creatività risultano determinanti nel corso di una gara. Molto spesso, tendiamo a considerare il numero di reti siglate da un attaccante ma nella maggior parte delle situazioni, le prestazioni e la fantasia del centrocampista fanno la differenza per le giocate del centravanti o dell'esterno d'attacco. Quasi implicitamente si è descritto il ruolo del regista. Dunque, il regista non è altro che "il calciatore che ha il compito di impostare l'azione dal basso. Emblematici sono fenomeni del calibro di Andrea Pirlo e Xavi". 

Tuttavia, dalle parole dell'allenatore Francesco Russo è importante evidenziare il ruolo del mediano. Il centrocampista che svolge tale ruolo, solitamente, risulta un giocatore con poca tecnica e tanti polmoni. Quasi a rappresentare quel regista cinematografico - metaforicamente parlando - che agisce da dietro le quinte. Il classico calciatore da gioco sporco alla Gennaro Gattuso che attraverso la grinta e la corsa spezza le manovre avversarie. In sostanza, tale ruolo - al di là dei compiti quali da regista o mediano - rappresenta il cuore pulsante di una squadra. In altre parole, il gioco e la densità non esisterebbero senza il centrocampista, nella sua globalità.

Agostino D'Angelo

Leggi altre notizie:GINOSA Rubriche