ECCELLENZA - Il punto di Antonio Crudele sulla 2^ giornata

Seconda giornata di Eccellenza in archivio: molti i temi da affrontare e lo facciamo con la consueta rubrica sul massimo campionato regionale curata dall'avvocato ed agente Fifa Antonio Crudele

Il punto di Antonio Crudele sulla 2^ giornata

Dopo la seconda giornata del campionato di Eccellenza pugliese 2016/17, sono tre le squadre al comando, peraltro a punteggio pieno: la matricola terribile Audace Cerignola e le “solite” Altamura e Casarano, mentre due formazioni, Noicattaro e Molfetta, le hanno perse entrambe.

Ventitre le reti messe a segno nell’odierno turno, di cui più di un terzo realizzate nella sfida tra Audace Cerignola e la Vigor Trani (scesa in campo imbottita di under, per le note vicende) terminata 7-1 per gli ofantini, i cui calciatori Colucci e Morra sono anche gli autori delle uniche due doppiette di questo secondo turno. Una invece l’autorete, quella del difensore centrale del Galatina Calò, che ha permesso all’Hellas Taranto di passare quasi allo scadere (all’87mo minuto) sul terreno di gioco dei salentini.

Sugli otto confronti di giornata, cinque hanno visto il successo delle squadre di casa e tre quelli delle formazioni ospiti. Nessun pareggio è stato invece registrato, grazie anche alle vittorie in extremis (entrambe al 93mo minuto) del Bitonto a Novoli, grazie al solito Manzari e dell’Altamura sul mai domo Avetrana grazie alla rete di Sebastian Di Senso.

Molte, infine, le reti scaturite da calcio piazzato, con due reti su rigore (entrambe nella gara di Cerignola, Morra per i padroni di casa e Pasquadibisceglie per la Vigor), due direttamente su calcio di punizione (Pellecchia del Barletta e Di Senso dell’Altamura), tre su sviluppi di calcio d’angolo ed una, quella di Caputo del Casarano, siglata direttamente dalla bandierina, con l’ausilio del vento.

Buona parte delle sfide sono state giocate con un clima avverso, con vento e pioggia nel peggiore dei casi, come è avvenuto a Barletta, dove la squadra di casa ha sconfitto il Gallipoli con un perentorio 3-0 con la prima rete in campionato dell’implacabile puntero argentino Nicolas Di Rito, una splendida punizione mancina di Pellecchia e la prima rete sul suolo barlettano del biancorosso purosangue Sguera.

Sempre sotto una pioggia battente, l’Audace Cerignola ha battuto per 7-1 una Vigor Trani scesa in campo con una formazione composta per 10/11 da under che, nel primo tempo, c’è da dirlo, hanno tenuto testa ai gialloblu, andando al riposo in svantaggio solo per 1-0 (Colucci). Nella ripresa, invece, gli uomini allenati da Crudele si sono abbattuti come furie sui malcapitati under tranesi, andando a segno in altre sei occasioni (Ciano, Colucci, 2 Morra, Ragone e C. Marinaro), oltre a due pali. Per i tranesi rete, su rigore del “vecchietto” della squadra, il 96 Pasquadibisceglie. Da sottolineare la grandissima rete del 99 Ragone nelle file cerignolane, un tracciante che va ad infilarsi nel sette della porta dell’incolpevole Dibenedetto, subentrato all’altro portiere 98 Caiati.

Fa sul serio il Casarano che, pur partito senza grossi proclami, è sempre lì. Vittoria per 0-1 in casa della Unione Calcio Bisceglie con rete di Caputo al 5’ della ripresa, direttamente da calcio d’angolo. Per i rossazzurri seconda vittoria ottenuta con il minimo sforzo e senza subire reti.

Resta a punteggio pieno anche l’Altamura che ha dovuto faticare non poco per aver ragione di un combattivo Avetrana per 2-1. Murgiani in vantaggio con Rana al 5’ del secondo tempo, di testa su punizione calciata da Fiorentino, ma tarantini che pervengono al pareggio grazie al neo entrato Cimino che, approfittando di un difettoso retropassaggio verso il portiere, s’intromette, lo salta e deposita in rete. Quando tutto sembrava ormai bloccato, ci ha pensato, però, Sebastian Di Senso, direttamente su calcio di punizione, al 93mo, a far esplodere il D’Angelo. Sempre su calcio piazzato, l’Avetrana, sul risultato di 1-1, aveva sfiorato l’insperato vantaggio sempre con Cimino, ma la palla si è infranta sul palo.

Altra vittoria oltre il 90mo quella del Bitonto, 0-1 sul campo in terra battuta di Novoli. Manzari il match-winner per i neroverdi, che hanno colpito anche due pali.

Prima affermazione per il Vieste che, dopo l’exploit di coppa in quel di Cerignola, ha avuto la meglio sul Noicattaro per 2-1 con reti di Telera in mischia e Trotta con un diagonale vincente. Di Acquaviva il momentaneo pareggio dei noiani.

Nel Salento si sono giocati due incontri molto interessanti, Otranto - Molfetta, terminata 1-0 per i biancazzurri di casa, con rete di Palma al 23’ del secondo tempo, il quale ha deviato in porta un destro di Jimenez e Galatina – Hellas Taranto 1-2 con vantaggio dei bianchi di casa con Mirabet al 16’ e rimonta tarantina con un sinistro di Pisano un minuto dopo e sfortunata autorete a pallonetto del difensore centrale Calò.

Nel prossimo turno delle tre capoliste, solo il Casarano avrà il turno casalingo, contro il Galatina in un acceso derby, mentre Altamura e Cerignola saranno ospiti, rispettivamente, di Hellas Taranto e Gallipoli. Il Noicattaro tenterà di cancellare lo zero dalla propria classifica in casa con il Novoli, mentre per il Molfetta lo stesso compito sarà più arduo in casa del Bitonto. Interessante la sfida del Manzi-Chiapulin tra Barletta e Vieste, mentre l’Unione Calcio Bisceglie andrà a saggiare il caldissimo e difficile campo in terra di Avetrana. Chiude il quadro Vigor Trani – Otranto, sperando che la partita si potrà regolarmente disputare, viste le difficili vicende societarie del Presidente club di Luciano Savi che ha lasciato il titolo nelle mani del sindaco. Speriamo che i problemi possano essere risolti quanto prima e non debba venir meno un’altra gloriosa società pugliese che, di fatto, potrebbe lasciare “zoppo” il campionato di Eccellenza.

Sabino Aduasio