ECCELLENZA - Il punto di Antonio Crudele sulla 4^ giornata

Quarta giornata di Eccellenza: molti i temi da affrontare e lo facciamo con la consueta rubrica sul massimo campionato regionale, curata dall'avvocato ed agente Fifa Antonio Crudele.

Il punto di Antonio Crudele sulla 4^ giornata

Entra sempre più nel vivo ed è sempre più avvincente il Campionato di Eccellenza pugliese, grazie anche a quanto accaduto nella quarta giornata, giocatasi domenica 2 ottobre.

Ben 31 le reti messe a segno in questo 4° turno, delle quali, ben 10 (9-1) solo nella gara Team Altamura - Vigor Trani. Sono state anche ricche di goal e di emozioni le sfide Unione Calcio Bisceglie - Barletta (2-3), Novoli - Hellas Taranto (4-1), Atletico Vieste - Casarano (2-2) ed Audace Cerignola – Noicattaro (3-1). Pari (1-1) in Molfetta Sportiva – Avetrana e vittoria di misura del Gallipoli a Galatina (0-1). Unico 0-0, invece, quello di Otranto – Bitonto.

La classifica marcatori, di conseguenza, ha subito un grande sussulto, grazie alla tripletta di Giorgetti del Novoli, che sale a quota 4 reti, in coabitazione con Trotta dell’Atletico Vieste (ancora in rete, per la 4° giornata consecutiva) ed entrambi alle spalle di Umberto Del Core della Team Altamura, al comando a quota 5 reti, grazie anche alla doppietta inferta alla Vigor Trani. Doppietta anche per il centrocampista dei murgiani Montemurro. Salgono invece a quota 3 reti Vito Morra e Carmine Marinaro dell’Audace Cerignola, che affiancano Eugenio Palma dell’Otranto, oggi rimasto a secco. Sono andati, inoltre, in goal per la seconda volta diversi giocatori: Lasalandra, Caputo, Tedesco, Senè, Coquin, Telera, Moscelli, Pellecchia, De Giorgi, Logrieco e Camporeale.

Infallibili i rigoristi di giornata: sono stati, infatti, 4 i penalty assegnati e tutti realizzati da Trotta, Marinaro, Dibenedetto e Moscelli. Nota di merito per Saverio Pellecchia del Barletta, il quale è andato in rete per la seconda volta, ed ancora su calcio di punizione.

Una l’autorete, quella dell’altamurano Natale in favore della Vigor Trani.

Nella speciale classifica delle reti realizzate, l’Altamura (con 15 reti) scavalca l’Audace Cerignola (12), seguono U.C. Bisceglie ad 8 e Barletta a 7.

Di contro, l’Otranto conferma la bontà della propria retroguardia con una sola rete subita in quattro gare. Seguono a 2 reti Altamura e Casarano ed a 3 Audace Cerignola, Bitonto e Galatina.

In classifica l’Altamura resta al timone con 12 punti. Solo il Cerignola riesce a tenere il passo dei biancorossi murgiani, salendo in doppia cifra (10 punti). Le altre immediate inseguitrici, Otranto e Casarano, hanno invece rallentato, perdendo ulteriormente terreno e restando al terzo posto ad 8 punti. Sale a 7 il Barletta che raggiunge il Bitonto. A quota 6 troviamo l’Unione Calcio Bisceglie, a 5 Gallipoli e Vieste, 4 punti per le salentine Novoli e Galatina, 3 per Noicattaro ed Hellas Taranto, 2 per l’Avetrana ed un punto per la Vigor Trani e la Molfetta Sportiva, che ha cancellato anche l’ultimo 0 che figurava ancora in classifica.

L’Altamura si conferma saldamente al comando dopo aver strapazzato i giovani under della Vigor Trani, scesi in campo non solo per l’onore e per cercare di salvare il campionato, in attesa di buone notizie dal punto di vista societario, ma anche per evitare pesanti sanzioni che ne avrebbero pregiudicato il futuro.

Fino a qualche ora dall’inizio, fissato per le 15.30, non si sapeva ancora se e chi dovesse scendere in campo. Tuttavia, grazie anche agli sforzi dei genitori dei ragazzi (che si sono organizzati per accompagnarli ad Altamura con mezzi propri), la partita si è regolarmente giocata.

Paradossalmente, dal punto di vista prettamente numerico, una sconfitta a tavolino (per 3-0) sarebbe stata sicuramente meno gravosa di quella maturata sul campo (9-1), ma è stato giusto scendere in campo, innanzitutto, per onorare lo sport, ed in secondo luogo, anche per non subire eventuali penalizzazioni nel caso in cui la squadra tranese non si fosse presentata.

Le reti del match sono state tutte di marca biancorossa: 2 Montemurro, 2 Del Core ed una a testa per Logrieco, Fiorentino, Ostuni, Sisalli e Dibenedetto (su rigore quest’ultimo). Anche la rete della bandiera del Trani è stata siglata da un altamurano; è stata, infatti, una rocambolesca autorete di Natale.

L’Audace Cerignola tiene il passo della capolista battendo il Noicattaro per 3-1. Reti di Morra (al 15’) con una bella conclusione al volo, su assist di Colucci e di Lasalandra (al 44’), di testa, ancora su assist dello scatenato Colucci. Ha accorciato le distanze per gli ospiti Cassano (al 78’), su cross di Lanave ed ha fissato il punteggio, un minuto dopo, una massima punizione trasformata da Marinaro. Dopo quattro giornate, il Noicattaro, insieme a Vigor Trani e Molfetta, non ha ancora ottenuto punti fuori casa.

Scontro d’alta classifica ad Otranto, tra Otranto e Bitonto, ma poche emozioni (0-0) tra le due compagini in campo, forse molto più attente a non prenderle che ad offendere. Risultato che permette ad entrambe di proseguire la striscia di risultati utili consecutivi e di mantenersi in zona play-off.

Uno dei match più attesi è stato sicuramente quello disputato tra Unione Calcio Bisceglie e Barletta allo stadio “Città dei fiori” di Terlizzi. Biancorossi che, alla fine di uno scontro epico, hanno avuto la meglio con il risultato di 2-3. Barletta in vantaggio con il capitano Di Giorgio (18’), che, di testa ha sfruttato un rimpallo in area di rigore, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pari biscegliese con una gran botta da fuori area di Caprioli (32’). Allo scadere della prima frazione di gioco (44’), stupenda punizione di Pellecchia per il 2-1 biancorosso, pareggiato al 50’ dal goal dell’ex Moscelli, direttamente su calcio di rigore. Al minuto 78’ un gioiello al volo di Loiodice fa esplodere i numerosi tifosi ospiti e regala al Barletta una convincente e sudata vittoria. Per i biscegliesi 6 punti in 4 gare, ottenuti con due vittorie in trasferta ed altrettante sconfitte in casa. Prima affermazione esterna del Barletta, invece, dopo la sconfitta di Casarano.

L’altro big-match di giornata si è giocato al Riccardo Spina di Vieste e vedeva di fronte due indiscusse protagoniste delle ultime stagioni della Premier League pugliese, Atletico Vieste e Casarano. Pronti, via e Casarano già in vantaggio con l’intramontabile Tedesco (4’). Reazione degli uomini allenati da mister Cinque che non si fa attendere e pareggio di Telera al 21’, di testa, su angolo calciato da Trotta. Ma, la gioia dei garganici dura appena un paio di muniti, infatti ci pensa Caputo, con un tiro da fuori al 23’ a riportare avanti i salentini. Primo tempo che si chiude sul punteggio di 1-2. Nella ripresa, un fallo di Rosciglione al 58’ (che costa il rosso al difensore rossoblu), manda Trotta dal dischetto. L’attaccante garganico è ancora una volta freddo e sigla il definitivo 2-2, aggiornando il proprio personale record che lo ha visto in rete in tutte le gare di campionato fin qui disputate.

Giorgetti show nel 4-1 con cui il Novoli ha strapazzato in casa l’Hellas Taranto. L’attaccante salentino va in goal già al 2’, poi, dopo il momentaneo pareggio di Camporeale (15’) per gli spartani, si ripete al 16’ ed al 26’. Chiude ogni contesa il definitivo 4-1, al minuto 48, la rete dell’altro bomber novolese Pignataro.

Altro derby salentino per il Galatina di mister Mosca, ma, è il Gallipoli ad avere la meglio sui bianco-stellati, con una rete di De Giorgi al 53’. In precedenza, grande occasione per il bomber Giovanni Pino, neo acquisto del Galatina, ma il guizzante siciliano non è riuscito a portare in vantaggio i suoi. Galatina ancora a secco in casa, con due sconfitte su due gare, come U.C. Bisceglie ed Hellas Taranto.

Muove, finalmente, la classifica il Molfetta (1-1 in casa contro l’Avetrana)che, seppur con un piccolo passo, lascia quello zero in classifica tanto antipatico, quanto inaspettato. Al vantaggio di Coquin al 29’, risponde Senè, che, al 66’, mette finalmente in rete, dopo aver sprecato una ghiotta occasione offertagli in precedenza da Ferrante con una ubriacante azione personale che aveva messo il colored molfettese davanti alla porta avversaria.

 

In settimana - giovedi 6, alle ore 15.30 - le 8 qualificate ai quarti di finale della Coppa si affronteranno nel match di andata con i seguenti accoppiamenti: Barletta – Atl. Vieste; U.C. Bisceglie – Bitonto; Team Altamura – Avetrana ed Otranto – Casarano.

 

Il prossimo turno, invece, vedrà in programma al Manzi-Chiapulin, il big-match tra il Barletta e l’Audace Cerignola. Altri scontri molto interessanti saranno Bitonto – U.C. Bisceglie per ambire alla zona play-off e Gallipoli – Team Altamura. L’Atletico Vieste ospiterà il Galatina, mentre, in terra salentina, vi sarà un altro derby, quello tra Casarano e Novoli. L’Hellas Taranto ospiterà la Molfetta Sportiva, il Noicattaro cercherà di interrompere la striscia positiva dell’Otranto di mister Salvadore ed, infine, si spera (soprattutto per la regolarità del campionato), la Vigor Trani ospiterà l’Avetrana.

 

Forse è ancora troppo presto per dirlo, ma, a mio avviso, dopo questa quinta giornata, si potrà già capire che direzione prenderanno diverse squadre ancora poco decifrabili.

Sabino Aduasio